Natura giuridica

I Gruppi di acquisto possono assumere diverse forme giuridiche a seconda delle dimensioni, della loro diffusione territoriale e della complessità organizzativa.

Nel presente paragrafo ci soffermeremo esclusivamente sulla disciplina giuridica dei gruppi di acquisto aventi natura non lucrativa, quali i Gruppi di acquisto solidale, il cui obiettivo principale non va ricercato nella massimizzazione dei profitti o nella minimizzazione dei costi, ma è principalmente incentrato su obiettivi di carattere sociale.

Tralasceremo quindi l’analisi di quegli enti commerciali e di quei gruppi di acquisto che si sono sviluppati nei tradizionali settori economici, come ad esempio COOP e UNES che, per natura e scopi, sono più simili alle ordinarie società commerciali. All’interno della macro categoria degli enti non commerciali, i Gruppi d’acquisto assumono la veste giuridica di associazioni.

Quindi, coloro che voglio costituire un Gruppo di acquisto e tramite questo operare per il raggiungimento degli obiettivi sociali prefissati, hanno due soluzioni alternative:

1. costituire un’associazione ex novo, sia essa formale o informale;

2. appoggiarsi ad un’associazione già esistente, ed attraverso le sue strutture effettuare gli acquisti collettivi.

Associazioni di Fatto – Gruppi di acquisto informale

Il fenomeno dell’associazionismo è garantito già a livello costituzionale dall’articolo 18 della nostra costituzione; questo articolo stabilisce che “i cittadini hanno diritto di associarsi 10 I gruppi d’acquisto liberamente, senza autorizzazione, per fini che non sono vietati ai singoli dalla legge penale”.

Da un punto di vista giuridico le associazioni sono organismi collettivi che trovano una loro puntuale definizione e disciplina normativa nel codice civile, negli articoli dal 12 al 33 e dal 36 al 42.

La giurisprudenza è concorde sul fatto che la costituzione di un’associazione, così come la successiva adesione ad essa, non sono soggette ad alcuna forma particolare; l’associazione può nascere da un semplice accordo verbale tra gli associati. In altri termini, la forma scritta è per le associazioni non riconosciute una facoltà rimessa all’autonomia contrattuale delle parti, in funzione della tutela degli interessi personali che gli associati vogliono perseguire senza derivarne alcun obbligo giuridico.

Sono quindi Associazioni di Fatto i cosiddetti Gruppi di acquisto informali, ovverosia quei gruppi di acquisto che nascono dalla vera volontà delle parti di effettuare acquisti collettivi senza ricorrere alla stesura ed alla predisposizione di uno specifico atto costitutivo e statuto. L’attività istituzionale di tali associazioni emerge quindi dal comportamento concludente dei singoli associati.

Questa forma di associazione, anche se prevista dalla dottrina, è comunque consigliata solo per i gruppi di acquisto di ridottissime dimensioni o, comunque, per quei gruppi che nella loro prima fase di vita decidono di dettare le regole di funzionamento solo oralmente, non munendosi di alcun documento scritto. L’assenza di una forma scritta può infatti dare origine a diverse problematiche sia di carattere formale che sostanziale.

Da un punto di vista formale, infatti, difficilmente l’associazione potrà funzionare agevolmente in assenza di regole scritte che disciplinino i ruoli dei singoli aderenti, soprattutto se l’ente ha un progressivo sviluppo dimensionale. Per tale ragione anche i Gruppi di acquisto informali, pur costituiti sulla base di un mero accordo verbale delle parti, sono provvisti di un proprio regolamento interno redatto in forma scritta al fine di coordinare l’attività dei singoli associati e di gestire le modalità operative con cui effettuare gli acquisti collettivi.

Queste associazioni generalmente non sono dotate di alcuna struttura ricettiva in cui stoccare le merci e le stesse vengono consegnate a rotazione dai vari membri del gruppo direttamente presso il domicilio degli associati. E’ importante che le merci siano accompagnate dalla fattura d’acquisto, la quale, non essendoci un ente giuridico autonomo, dovrà essere intestata ad uno dei membri facenti parte dell’Associazione.

I gruppi d’acquisto

Queste associazioni, inoltre, hanno estrema difficoltà ad adottare qualsiasi forma di comunicazione esterna al fine di divulgare il loro credo e di attirare a sé nuovi associati. Accanto ai problemi sopra esposti, che di fatto possono essere considerati esclusivamente di tipo formale, esiste tutta una serie di problemi sostanziali che l’assenza di uno statuto e di un atto costitutivo scritto possono arrecare all’associazione.

Il primo fra tutti è legato al riconoscimento dell’assenza del fine di lucro nell’operato dell’associazione. Per una corretta gestione dei rapporti con l’amministrazione finanziaria, infatti, la presenza di uno statuto in forma scritta e solenne appare di centrale importanza al fine di evitare il possibile riconoscimento della natura commerciale dell’ente sulla base dell’attività effettivamente esercitata sul territorio, prescindendo totalmente dagli scopi statutari, con il conseguente assoggettamento sia alle imposte dirette (IRES) sia alle imposte indirette (IVA).

Il mancato riconoscimento della qualifica di ente giuridico autonomo li porta ad essere del tutto estranei ad ogni adempimento di carattere amministrativo, contabile o fiscale. Queste associazioni non sono nemmeno tenute a richiedere il codice fiscale presso l’Agenzia delle Entrate. Con l’aumentare dei volumi d’acquisto le associazioni di fatto tendono ad appoggiarsi ad associazioni già esistenti o a formalizzare il rapporto associativo in essere costituendo un’associazione ordinaria.

Associazioni ordinarie Rientrano nella categoria delle associazioni ordinarie tutte quelle associazioni regolarmente costituite mediante atto scritto e registrato. Gli elementi alla base di ogni associazione sono due:

gruppi di acquisto1. l’atto costitutivo
gruppi di acquisto2. lo statuto

L’atto costitutivo di un’associazione è un atto di autonomia privata rientrante nella categoria degli atti plurilaterali, con il quale due o più individui decidono di associarsi per perseguire insieme una finalità non vietata dalla legge penale. L’atto costitutivo di un’associazione è quindi un contratto che attesta la volontà di una pluralità di soggetti di costituire un organismo in grado di assicurare agli stessi il perseguimento di una finalità, di norma ideale, in comune fra loro.

Il contratto di associazione rientra nella categoria dei cosiddetti “contratti aperti”, ovverosia di quei contratti che permettono l’adesione all’associazione anche a persone terze che non siano i soci

I gruppi d’acquisto fondatori.

Lo statuto dell’Associazione è invece il documento che assicura il rispetto all’interno dell’ente di una serie di regole che costituiscono il complessivo impianto normativo teso a disciplinare la maggior parte (o la totalità) degli aspetti riguardanti la vita dell’associazione. A differenza di quanto si pensi, la redazione dell’atto costitutivo e dello statuto in forma scritta e registrata non richiede l’intervento notarile.

I soci fondatori che decidono di costituire un’associazione ordinaria provvederanno a redigere un atto costitutivo ed uno statuto in forma scritta e a depositarli presso l’ufficio del registro. L’intervento del notaio è reso obbligatorio solo nel caso in cui, in un momento successivo alla costituzione, gli associati vogliano richiedere il riconoscimento giuridico dell’associazione all’ufficio delle persone giuridiche tenuto presso la regione, ottenendo in tal modo la personalità giuridica e l’autonomia patrimoniale.

(Tratto da Enti non commerciali – Vincenzo D’andò – Sistemi editoriali Se, 2006 – Associazioni e fondazioni – Mario Civetta, Arturo Florimo – Giuffrè Editore, 2002 – Gruppi d’acquisto – Marino Perotta – Edizioni Lavoro, 2005 – Documento base dei Gas – Retegas – 1999)


Altro Risparmio

Benvenuto/a in Altro Risparmio - Global Social Shopping mi chiamo Salvatore De Fazio... Questa Opportunità è nata per migliorare la qualità della vita di tutti i suoi membri: prima di tutto ottenendo un decisivo risparmio sulla spesa quotidiana, le bollette e ogni genere di acquisto. Formando un vasto insieme di persone motivate e informate trasformiamo il semplice gesto dell'acquisto in una scelta di evoluzione personale e collettiva.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.